Road Map 2050

Road Map 2050

Un’economia a basse emissioni di carbonio entro il 2050

La tabella di marcia dell’Unione Europea verso un’economia a basse emissioni di carbonio e più efficiente dal punto di vista del consumo energetico, prevede:

  • una riduzione delle emissioni dell’80% entro il 2050 rispetto ai livelli del 1990;
  • una serie di tappe per raggiungere questo risultato: riduzione delle emissioni del 40% entro il 2030 (obiettivo già approvato nell’ambito del pacchetto clima-energia 2030) e del 60% entro il 2040;
  • che tutti i settori (produzione di energia, industria, trasporti, edifici, edilizia e agricoltura) contribuiscano alla transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in funzione delle rispettive potenzialità economiche e tecnologiche;
  • che la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio sia fattibile e a prezzi accessibili, ma richiede innovazione e investimenti. Questa transizione stimolerà l’economia europea grazie allo sviluppo di tecnologie pulite ed energia a emissioni di carbonio basse o nulle, incentivando la crescita e l’occupazione; aiuterà l’Europa a ridurre l’uso di risorse fondamentali come l’energia, le materie prime e l’acqua; renderà l’UE meno dipendente da costose importazioni di petrolio e gas; apporterà benefici alla salute di tutti. Il settore energetico presenta il maggior potenziale di riduzione delle emissioni.

Tabella di marcia per l’energia 2050 (2050 Energy Roadmap)

La tabella di Marcia per l’energia si prefigge di raggiungere gli obiettivi relativi alla riduzione delle emissioni di carbonio entro il 2050, rafforzando al contempo la competitività dell’Europa e la sicurezza degli approvvigionamenti. Riguarda tutti i settori (generazione di energia, trasporto, utenti residenziali, industria e agricoltura) e giunge alle seguenti conclusioni:

  • la decarbonizzazione del sistema energetico è fattibile sia sul piano tecnico che su quello economico. Tutti gli scenari relativi alla decarbonizzazione consentono di raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni e sul lungo periodo possono essere meno onerosi rispetto alle strategie attuali.
  • l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili sono elementi cruciali. A prescindere dai mix energetici cui si ricorrerà, occorre aumentare l’efficienza energetica e la quota prodotta da fonti rinnovabili per raggiungere l’obiettivo relativo alle emissioni di CO2 entro il 2050. Gli scenari evidenziano anche un incremento dell’importanza dell’elettricità rispetto ad oggi.
  • investire prima per pagare meno. Le decisioni in merito agli investimenti nelle infrastrutture necessarie fino al 2030 devono essere prese adesso, poiché occorre sostituire quelle costruite 30-40 anni fa. Un’azione immediata può evitare di dover effettuare cambiamenti più costosi in futuro.
  • attuare economie di scala. A differenza dei singoli programmi nazionali, un approccio a livello europeo consentirà di ridurre i costi e garantire le forniture.

Link correlati:

Un’economia a basse emissioni di carbonio entro il 2050 (Commissione Europea, IT)

Progetto Roadmap 2050 (EN)